Le piramidi di Cheope ed il Cairo Copto

19 DICEMBRE 2005


SECONDO GIORNO 19 DICEMBRE 2006
Alla mattina puntiamo la sveglia abbastanza presto per andare alle piramidi di Giza. Andiamo a piedi fino al museo egizio dove secondo la LP dovrebbe esserci l'autobus 355/357, tutto intorno ci saranno stati 5000 poliziotti in alta uniforme schierati su tutti i cigli delle strade e degli spartitraffico!!
MOMENTO DI PANICO!! Ma cosa cavolo sta succedendo??
Chiediamo a qualche locale, ma senza alcuna risposta!!
Poi dopo 10 minuti di paura, capiamo che è solo uno schieramento do benvenuto per un pezzo grosso arabo in visita!!
Nelle piramidi entriamo dall'ingresso della piramide di Cheope, dopo 4 chiacchiere e risate con l'ufficio turistico di giza ove raccogliamo altri depliants e cartine!!
Che emozione vedere queste immense e misteriose costruzioni dopo migliaia di anni ancora intatte e da scoprire!! Vediamo dapprima la piramide di Cheope, poi quella di Khefren, Micerino e poi ci addentriamo nel deserto verso la sfinge che vediamo in lontananza!!
E' incredibile, tutt'intorno solo deserto, cammelli e cavalli… ma in alcune zone ci sentiamo proprio come Indiana Jones e Lara Craft in spedizione: NO GHE NEGUNI! Esploriamo diverse rovine e busi dove con sorpresa ci sono geroglifici, false porte e statue perfettamente conservate!!
Ci chiediamo come mai lascino entrare la gente in luoghi così pericolosi visto che molte volte ci sono pozzi profondi anche 10 metri… poi capiamo che quasi tutti sono in tour organizzati e si soffermano solo alle piramidi e alla Sfinge!! Ed eccoci alla sfinge, (40 EGP), e lo spettacolo è realmente impressionante! Visitiamo a piedi il sito, non faceva caldo perchè un bel venticello del deserto ci allietava e decidiamo di entrare anche in una delle tre piramidi principali, quella di Cheope (50 EGP): dopo due corridoi a dir poco claustrofobici e ultra pendenti giungiamo alla stanza del sarcofago. In verità non è nulla di speciale, ma ci è piaciuta l'emozione di essere dentro la piramide e sentirci come schiacciati da migliaia di tonnellate di pietra sopra di noi. Al ritorno riusciamo a prendere lo stesso autobus di prima e siamo pronti per visitare con la metropolitana la “Cairo Copta”, quella antica di religione cristiana.
La zona ci sembra molto rilassata rispetto al centro Cairo e si ha l'idea di fare un tuffo ai primordi del cristianesimo!
La prima chiesa che vediamo è magnifica e conserva quel misticismo cristiano che un po' ci manca dopo migliaia di templi buddisti!! Noi ci mangiamo un panino seduti in un parco fra le case popolari che sembrano state bombardate l'altro ieri!!
Tutt'intorno carretti con asini, montagne di pane arabo (lasciato spesso nei posti piu' sporchi del mondo e rivenduto ai clienti!!), case del the, venditori di strada!!
Alla sera, tornati in centro, assaggiamo il primo panino locale che doveva essere un kebab alla catena di fast food (perché lo chiamano FAST se devi attendere un'ora per un panino?) locale chiamata GAD e a passeggiare in mezzo ai cairoti.

  

© Copyright maxpico.com 2014 | Ogni diritto sui contenuti del sito è riservato ai sensi della normativa vigente.

Vai all'inizio